martedì 2 febbraio 2016

TORTA CIOCCOLATO "CIOCCOLATOSA" VEGANA





 La cucina è gioia.
Cucinare per gli altri è un atto d'amore.
Nutrire gli altri equivale a prendersi cura di loro, equivale ad amare coloro che mangeranno ciò che cuciniamo,forse, solo per una volta oppure perchè facendo parte della nostra famiglia quotidianamente.
La cucina non è insulti, volgarità, piatti lanciati contro i concorrenti in un format televisivo; non è strategia, non è danneggiare il prossimo.
Cucinare è prendersi la responsabilità di nutrire un altra persona.
Attraverso la cucina passano le nostre emozioni: gioia, compassione, misericordia, premura ed affetto.
Può essere il pranzo più frugale del mondo, ma se lo facciamo con amore sarà il dono più prezioso che possiamo fare.
Che emozioni potranno mai passare da un piatto fatto con l'intento di danneggiare il proprio concorrente, fatto nel terrore di essere giudicati o fatto per vincere?

Vi lascio con questa riflessione e vi dico che la ricetta di oggi è una torta buonissima e cioccolatosa, la cui ricetta viene dal sito di Marzia e che io ho leggermente modificato e sopratutto adatta se come succede a me avete a merenda un bimbo intollerante al lattosio.











INGREDIENTI
230 gr. farina integrale
120 gr. zucchero di canna
100 gr. cioccolato fondente di buona qualità
1 bustina di lievito per dolci
230 gr. di latte d'avena
40 ml. olio di girasole biologico

Accendere il forno in modalità ventilata a 180 gradi.
Sciogliere a bagnomaria il cioccolato fondente e lasciarlo intiepidire.
In una ciotola capiente versare la farina, lo zucchero ed il lievito per dolci e mescolare velocemente, aggiungere l'olio ed il latte d'avena e girare con attenzione affinchè non si formino grumi.
Aggiungere il cioccolato precedentemente sciolto e mescolare fino ad avere un composto ben omogeneo.
Versare in una tortiera da 20 cm, precedentemente rivestita di carta forno ed infornare per 30 minuti.
La cottura varia da forno a forno, quindi vale la prova stecchino.

Buona appetito!

3 commenti:

  1. Hai proprio ragione! Ho scoperto che anche in altre culture si considera importante che chi cucina sia in uno stato d'animo sereno e tranquillo e, se hai letto "Come l'acqua per il cioccolato", il dubbio che le emozioni si trasferiscano in quello che cuciniamo è venuto per forza. La torta sembra squisita!

    RispondiElimina
  2. E' una ricetta che mi incuriosisce, sono una che sperimenta e già faccio dolci senza glutine ed in passato ho realizzato dei dolci senza latte avendo gli stessi risultati che si hanno con ingredienti"normali". Assunta

    RispondiElimina
  3. Ciao, aspettavo da tanto che qualcuno pubblicasse una ricetta del genere. Proverò nel week end e ti farò sapere. Un saluto

    RispondiElimina

Torta di mele e yogurt

Oggi ospiti in cucina...ecco a voi Stefania e la sua splendida torta di mele Lascio la parola a lei: Io adoro le...