About us

Questo blog nasce con una singola persona e da una singola idea, ma ad un certo punto a causa di lavoro, bimbo piccolo per casa ed anche un po’ di sconforto del voler fare tanto, ma di rendersi conto di non riuscire a fare concretamente quanto si vorrebbe, era arrivato ad una sorta di binario morto.

Avevo ospitato fra le mie pagine Fabiana, che oltre ad essere la mia adorata cuginetta, è una persona che stimo per la sua intelligenza e per l'impegno e la costanza che mette nelle cose.
E da qui l'idea di trasformare questo singolo spazio, in uno spazio a due; non solo ospite, ma vera e propria presenza in questo blog con un suo spazio, perchè in fondo l'idea di una blog a 4 mani mi era sempre piaciuto. E poi "2 is better than 1".
Lei entusiasta ha accettato e così il blog non sarà più mio, ma nostro.

Sarà uno spazio comune dove entrambe pubblicheremo, io continuerò a dedicarmi alla parte cucina e Fabiana seguirà la sua passione inesauribile per i libri, ma non vedetela come una divisione netta, saremo comunque insieme in questa nuova avventura e non rimarremo ognuna nel suo spazio, perchè in verità non esiste uno spazio solo mio o solo suo, ma nostro.

Sempre Fabiana ha curato il restyling del blog, che aveva decisamente bisogno di un vestito nuovo per presentarsi al meglio a tutti coloro che passeranno fra queste pagine.

Sarà uno spazio nuovo dove il lettore, troverà "cibo per il corpo e cibo per la mente", ma anche idee semplici e creative, ciò che ci piace in giro per il web.

Sono Simona.

Classe: 1980, attualmente in Piemonte; felicemente convivente, non sposata e felice del suo status.
Mamma di Leonardo, splendido bimbo che da uno scossone costante alla nostra quotidianità.

A completare la nostra famiglia una morbidissima gattona di 6 kg chiamata Ciccia; nessun riferimento alla sua prorompente stazza è casuale, ma voluto. 

Amo cucinare ma di più ancora mi piace condividere in questo spazio, pensieri e riflessioni e tutto quello che mi spinge a proporvi una ricetta piuttosto che un'altra.

Ma per parlare meglio di me ho deciso di scrivere cosa mi piace e cosa no.

I LIKE

Tutto ciò che è bianco o rosa, sono i miei colori preferiti.
Libri, di cucina di letteratura, mi piace leggere.
La campagna, le giornate all'aria aperta.
Le sere d'inverno con una tazza di tè in mano e avvolta in una coperta, non perchè faccia freddo, ma per un ulteriore coccola.
I gatti, sornioni, maestosi. Sono loro che scelgono "tempi e metodi". Quando accettare le tue coccole, quando cercarti. 
La minestrina ed il riso, il mio "confort food" preferito.
Il profumo del pane fatto in casa.
Le verdure al mercato e le primizie nell'orto.
Le colazioni ricche e sontuose, con panini burro e marmellata, succo di arancia e tè caldo.
La case grandi, con giardino e tanto spazio.
Vedere le montagne (abito in Piemonte) in lontananza nelle giornate di sole.
La sabbia ed le onde del mare.
La tenerezza e la spontaneità del "topolino" di casa.


I DON'T LIKE

Alcuni cibi, mi da fastidio persino l'odore.
La nebbia quando dura più di un giorno.
Poltrire fino a tardi nel letto.
Gli spazi angusti.
La noia e quelli che dicono di essere sempre "stanchi".
Quelli che dicono "mi piacerebbe" o "vorrei", ma poi non fanno nulla.


E io sono Fabiana,
classe 1995, vivo in un piccolo paese in provincia di Varese, la bella provincia della Lombardia di cui nessuno si cura. Frequento la facoltà di lettere moderne all'università statale di Milano e scrivo presso il giornale Lo Sbuffo.
neo arrivata nel mondo dei blogger, ho accettato volentieri di unirmi a mia cugina nella gestione di questo blog, felice di condividere qualcosa con lei.

non amo particolarmente cucinare, soprattutto i cibi quotidiani come la pasta o la carne. Ogni tanto però mi piace cucinare dolci, soprattutto meringhe, cioccolata, gelatine di frutta, muffins e biscotti di zenzero a Natale, che poi porto al grande pranzo di Natale a casa di mia cugina.

Ma facciamo un riassunto di tutte le parole che potrei dire

I LIKE
-Scrivere, soprattutto racconti;
-leggere, soprattutto romanzi, molto raramente mi cimento in qualcosa di diverso, ammetto, per mancanza di voglia, perché quando prendo in mano un libro, mi piace viaggiare in un altro mondo;
-passare le giornate in oratorio con i miei amici, so cosa state pensando, ma quando dico oratorio non intendo preghiere o preti bigotti, bensì persone con cui ti diverti in modo semplice, senza la necessità di nulla se non la reciproca presenza;
-i discorsi seri che nascono spontanei a tarda notte;
-ogni tanto parlare di argomenti seri o da intellettuali con i miei amici (provate ogni tanto, non potete immaginare quante persone vi stupiranno con riflessioni veramente profonde);
-andare in bici con mio fratello Alessandro;
-giochi di ruolo, molti di voi si chiederanno cosa siano, ma non è questo il luogo per parlarne;
-andare in mansarda a curiosare tra i vecchi libri dei miei genitori, c’è sempre qualcosa di interessante da scoprire;
-creare oggetti con qualunque tecnica, ho sperimentato la lavorazione del cernit e della creta, lavori con perline e fil di ferro, uncinetto e maglia (sia coi ferri che con la macchina da maglieria), i braccialetti dell’amicizia, che forse rimangono i miei preferiti, e sono curiosa di imparare qualunque altro metodo per ottenere dai fili degli oggetti. In particolare adesso mi sto appassionando agli amigurumi;
-ballare, e intendo la vera danza, amo la danza classica e moderna, per me è come andare in vacanza;
-ricordare e riconoscere il profumo degli oggetti, lo ammetto a volte li annuso, soprattutto i libri;
-studiare le religioni e le mitologie, soprattutto la mitologia classica;
-il paesaggio che vedo fuori dal balcone di camera mia, l’ho fotografato praticamente con qualunque condizione metereologica;
-disegnare i fuochi d’artificio, non disegno spesso, né sono molto brava, però i fuochi d’artificio non mi stancano mai e ogni volta che li vedo mi viene voglia di disegnarli;
-il suono che fa la neve fresca quando viene calpestata;

I DON’T LIKE
-le persone con la puzza sotto il naso e gli estremisti, non mi importa di cosa, se pensate di avere rigorosamente ragione voi, per me avete già torto;
-il trucco pesante, né su di me né sugli altri;
-dovermi alzare presto al mattino senza la possibilità di restare un po’ a coccolarmi a letto;
-cucinare quotidianamente i pasti, e per fortuna non lo faccio spesso;
-la carne e il pesce, non per motivi etici, semplicemente non mi piace il sapore, se non in alcune ricette;
-la cannella...praticamente ovunque;
-i luoghi chiusi pieni di ragnatele, hanno un fascino irresistibile, ma le ragnatele sono troppo fastidiose;
-i discorsi pieni di luoghi comuni o fatti solo perché si deve parlare, secondo me sono tanto inutili da essere vergognosi;
-le persone rancorose e che tacciono invece di dire il problema;

e a voi cosa piace e non piace?

Nessun commento:

Posta un commento

Torta di mele e yogurt

Oggi ospiti in cucina...ecco a voi Stefania e la sua splendida torta di mele Lascio la parola a lei: Io adoro le...